MARZIARI VITTORIA

16-04-2012 | Artisti | staff | No comments

Vittoria Marziari, nasce a Monte San Savino provincia di Arezzo.

Figlia di un impresario edile e di una casalinga, fin da piccola, dimostra una spiccata curiosità per la natura, osservandone i colori e le forme.

Da bambina, esprime la sua sensibilità artistica, attraverso il canto, la recitazione, la modellazione, la pittura.

Si forma all’ Istituto Statale d’ Arte ” Duccio di Boninsegna ” di Siena città in cui incontra l’ uomo che sposerà nel 1964, e dove ora vive e lavora.

A partire dalla seconda metà degli anni ‘ 70, oltre a svolgere il ruolo di moglie e madre di tre bimbi maschi, particolarmente vivaci, Vittoria Marziari, intraprende il percorso di insegnante nelle scuole medie ” San Bernardino, Vittorio Alfieri, liceo scientifico Galileo Galilei, Istituto magistrale di Siena, nonchè in varie scuole della provincia senese, che contribuiscono ad arricchire la sua esperienza.

E indubbiamente significativa, è stata negli anni ‘ 80 – ‘ 90, la frequentazione dei pazienti dell’ Ospedale Psichiatrico San Niccolò di Siena, ora sede universitaria di alcune facoltà scientifiche e letterarie.

Il contatto con persone diversamente abili, si rivela una scula di vita. E questo scambio di esperienze con persone spontanee, scevre da ogni condizionamento scolastico, fa riscoprire in Vittoria Marziari, la libertà di espressione epurandola dal rigore accademico.

Da questo momento, dà un’ impronta intimista alla ricerca artistica, ponendo al centro delle proprie riflessioni, la complessa universalità dell’ animo umano.

Contemporaneamente, affina le varie tcniche ceramiche, conducendo, nel suo laboratorio, molteplici sperimentazioni, tanto da affermarsi come uno dei Rakuisti più significativi ed estrosi.

In quegli anni, la fantasia fibrilla nelle sue mani, e qualsiasi materiale è buono, per realizzare ciò che l’ impeto creativo le detta: siano essi abiti, quadri, borse, sculture, gioielli… fino a quando, sul finire degli anni ‘ 90, la sua inesauribile curiosità per le materie, la spinge ad affrontare in maniera sempre più consapevole e concreta, le fusioni in bronzo, dove l’eleganza e la leggerezza che contraddistinguono le sue forme sempre tese verso l’alto ( Piscopo ) vengono esaltate.

Ad oggi il suo curricolo, è denso di tappe prestigiose sia in Italia che all’ Estero, dove ha ottenuto alti consensi e ammirazione.

Molti sono i critici che hanno scritto di lei, apprazzandone il pensiero creativo ed il modellato: essenziale, forte, deciso, dinamico, vigoroso, ma elegante e raffinato, mai banale. ( Broggi )

La sua arte è autentica espressione e comunicazione ( G. Segato)

Le sue opere si trovano in collezioni pubbliche e private in Italia e all’ Estero. Fra quelle pubbliche vanno citate: Gli altorilievi nella facciata della caserma Bandini di Siena, la realizzazione nel 2000 del Masgalano per il Palio di Siena ( premio ambito e prestigioso, che viene assegnato alla miglior comparsa della passeggiata storica ), la realizzazione dell’ Ambone per la chiesa di Sant’ Andrea,( Si ) la Crocefissione per la chiesa di San Marco in Alberoro ( Ar ), la pittura del drappellone del palio ” La giostra del Girifalco ” di Massa Marittima ( Gr ) ed altri ancora.

Vittoria Marziari realizza i suoi lavori nel laboratorio di via dei Tufi 57 Siena e li espone presso alcune gallerie ( Mentana ( Fi ) ecc..e nel proprio spazio privato posto in via Stalloreggi 23 Siena.

Sculture


Commenti Chiusi / Comments are Closed.